Lexiamatic nasce nel Dicembre del 2004, non si sa bene perchè, con un’identità confusa, non sapendo bene di che parlare e neanche in che lingua. Il nome è una specie di omaggio a Roland Barthes e al suo S/Z: la lessia (o lexia) è l’unità minima di atomicità del testo costellato.