E’ la crisi, per quanto ne so, e’ la crisi
i pensieri pesanti come massi e non vanno piu’ via.
Vorrei fare una corsa ,cosi’,tanto per sciogliermi i nervi
ma una corsa non conta
e’ la crisi va piu’ forte di me.

Dolce luna, dolce luna nel pozzo ti guardo
della notte ha il chiarore
e del giorno il piu’ limpido sguardo…
dolce luna del pozzo
se mi aspetti lo sai che ritorno
non so come e non so quando
qual’ e’ il giorno che io ritornero’.

E io non mi nascondo piu’
e io non ti perdono piu’
tu dimmi cosa vuoi da me…
Non siamo tutti uguali
il mondo e’ grande piu’ di noi
e meglio se lo imparerai.

E’ la crisi, fedele compagna la crisi
in tutto quel che faccio,
in tutto quello che penso di me.
Meta’ del tempo lo passo a sognare
una vita diversa
l’altra meta’ e’ soltanto un punto
interrogativo sul quel che faro’.

E’ la crisi, amaro verdetto la crisi.
Animale notturno che si sveglia un po’ prima di me.
Vorrei fare una corsa
cosi’ tanto per sciogliermi i nervi
e sperare che un giorno
presto o tardi lui scordi di me.

(Diaframma, Il ritorno dei desideri, 1994, Self distribuzione)