oggi facebook mi ha mostrato tutta la sua potenza, emotivamente devastante
come giocare con un pitbull finchè non lo fai incazzare
il baretto dell’epoca dell’università non c’è più, solo il ricordo di quel crogiulo di volti, storie e bevute. fumo di sigaretta, a palla.
finchè non nasce un gruppo su facebook del baretto
la radice della miticità del baretto è proprio che non c’è più: ha chiuso più o meno poco dopo che mi sono laureato. quella chiusura ha rappresentato la fine di un’epoca, un periodo significativo forse solo per noi, per quella generazione in quel posto, in quel periodo, intorno a quel bancone che non aveva niente di speciale se non essere Il Bancone dei nostri anni migliori.
tiè, mattone giapponese di melassa targata amarcord.

Annunci