Giovedì 16 dicembre a Torino è stato ufficialmente presentato l’adattamento delle licenze Creative Commons per l’Italia.
Frutto di un accordo che il Dipartimento di Scienze Giuridiche di Torino e l’Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell’Informazione del Cnr (IEIIT) hanno sottoscritto con la Creative Commons e di un lavoro d’adattamento al nostro ordinamento giuridico durato un anno.

Contestualmente è stata presentata la suite Open Media Streaming capace di “capire” quale CCPL regola l’opera riprodotta. NeMeSi è il client che permette di riprodurre contenuti multimediali grazie a pacchetti di rete basati sul protocollo IP. La sua principale caratteristica è quella di sapersi adattare allo stato della rete, nonchè quella di essere il primo client per lo streming che supporta le licenze CC.

Fenice è il nome del software per lo streaming che implementa le stesse caratteristiche di NeMeSi ma, ovviamente, lato server.